Studio Legale Bologna
051.355626      [javascript protected email address]

IL RISCHIO D'INSOLVENZA NELL'ATTIVITA D'IMPRESA: LE PREOCCUPANTI PROSPETTIVE POST-PANDEMIA

L'attività imprenditoriale è sottoposta ad una serie innumerevoli di rischi; se da un lato è normale che la vita di un'azienda attraversi crisi di lieve entità, dall'altro, si possono verificare situazioni di particolare gravità da non sottovalutare, perché potrebbero rappresentare un presupposto per il fallimento aziendale. Rientrano tra queste, i momenti in cui l'impresa non riesce a far fronte ai debiti in scadenza o in cui non riesce ad incassare i crediti in tempo utile ad adempiere alle obbligazioni contratte: ciò delinea l'inizio della crisi d'impresa, che può anche assumere risvolti tragici. Sussiste, dunque, per ciascuna impresa il concreto rischio di insolvenza, concetto che l'art. 2 del Codice della crisi d'impresa e dell'insolvenza ha definito come "l'inadeguatezza dei flussi di cassa prospettici a far fronte regolarmente alle obbligazioni pianificate" e che a due anni dallo scoppio della pandemia di covid-19 risulta essersi acuito. Ebbene, secondo uno studio condotto dal Centro studi di Unimpresa, sono circa 700.000 le aziende italiane a rischio di insolvenza, con un crac, in prospettiva da oltre 27 miliardi di euro. Considerate le preoccupanti prospettive per le imprese, al fine di evitare o quantomeno contenere il rischio di insolvenza, sarebbe opportuno intervenire con la panificazione del budget di impresa, l'analisi prospettica dei flussi di cassa in azienda e la cura dei rapporti con la banca e, nel caso di inevitabilità della crisi, affidare la gestione legale della stessa e dell'insolvenza a professionisti competenti sul campo. Il nostro studio legale fornisce consulenze in materia, affiancando gli imprenditori in ogni fase della vita d'impresa: dalla fornitura di strumenti e accorgimenti preventivi alla crisi, alla predisposizione delle soluzioni più appropriate al caso concreto, elaborando piani di ristrutturazione aziendale e di risanamento, oltre a garantire tutela legale nella fase di esecuzione forzata e nelle procedure di sovraindebitamento.